Sapete dov’è lo Swaziland?

Matteotti Studio presenta il viaggio in Swaziland del fotografo Giacomo Sardi.

 

Pubblicato su Nikon Italia

me lo sono chiesto la prima volta che me lo hanno detto…
3 settimane fa tornato da un viaggio in Swaziland, a nord del sud Africa, il paese che ha la maggiore percentuale di malati di HIV nel mondo, calcolata sulla popolazione.
Fonti non ufficiali parlano di oltre il 50% della popolazione, il governo si affanna a nascondere questo dato, esultando per “solo il 26%”…

Quello che ho visto là non lo posso raccontare solo con le parole…
eravamo ospiti di una missione nel sud del paese, un miracolo di quelli che capita di vedere una volta nella vita.. una scuola con 800 bambini, un ambulatorio per i malati, un aiuto concreto per chi non ha niente e in più flagellato dalla piaga dell’AIDS.

Continuamente vengono a chiedere aiuto.. bambini, ragazzi e ragazze sieropositivi, coi genitori morti di AIDS, vivono coi nonni ma non hanno soldi per vivere, per studiare, per mangiare.

Il primo ritratto è di una ragazza che portava una lettera.. c’era scritto che suo padre era morto di AIDS, sua madre quando si era accorta di essere positiva si era impiccata, adesso viveva col nonno ma aveva saltato un anno di scuola perchè non aveva soldi per l’iscrizione…
E così ogni giorno..

Siamo andati a prendere i sieropositivi, sfiniti, deboli, ammalati, nelle loro case, in mezzo al nulla, col fuoristrada.. li ho messi sul pickup di peso, non si piegavano… visto che per ogni malato dovevamo scendere in strade impossibili abbiamo fatto tardi e un uomo ci aspettava sulle stampelle da 2 ore, fuori da casa sua , vicino a dei panni stesi.. testa in basso, ma non mollava, piantato su quei 2 pezzi di legno imbullettati l’uno con l’altro… mezz’ora per tirarlo su…

Siamo arrivati all’ospedale e la sala d’aspetto per i malati di AIDS era strapiena, 2 dei nostri non sono stati accettati, non c’era più tempo per fare le analisi… torneranno la settimana prossima… se ci arrivano…

Abbiamo visto i bambini pranzare alla mensa della scuola, le ciotole pulite coi diti, polenta e broda di fagioli… sono entrato nelle case della gente che ci ringraziava… “grazie a voi italiani che ci avete dato tutto, ci avete insegnato tutto quello che sappiamo, ci date da mangiare, thankyou, thankyou, thankyou” naturalmente si riferivano alle missionarie… sul fuoco se va bene un pezzo di pollo sulla brace quando si festeggia alla domenica, sennò una pannocchia… ma anche il mais quest’anno è stato difficile da coltivare, poche pioggie..

Ho visto le suore missionarie che lavorano per queste persone, instancabilmente, senza sosta, fino all’esaurimento totale delle forze per un sorriso, per cercare di accontentare tutti, per dare un po’ di sollievo, per dare un po’ di speranza. Mai visto persone così, non sono di questo pianeta..

Ho visto madri coi bimbi in attesa di essere vaccinati… anziani ubriachi fradici che dalla disperazione spendono i pochi soldi nell’alcool invece di comprare qualcosa da mangiare per i nipoti, orfani…

E poi silenzio, ma un silenzio di quelli che senti il fischio delle orecchie, il sangue che pompa… campagne, terreni fertili, mucche, galline, vento e sassi, terra rossa come il tramonto, il sole che diventa una palla gialla all’orizzonte mentre vengono distribuiti gli aiuti del WFP, le giornate corte, il buio che viene veloce come un lampo, le stelle che non conosco, brillanti come lampadine lontane ma non poi così tanto, sembra di toccarle… la via lattea come una strisciata di colore azzurro nel cielo nero, costellazioni sconosciute a noi europei, la croce del sud che indica la missione mentre la sera ci incamminavamo verso il refertorio dove le suore cucinavano per noi…

I bambini le loro urla di gioia, la semplicità della vita che si sviluppa e che abbiamo visto in tutte le sue fasi… la povertà, l’amore ricambiato… la gente che muore, una bambina cieca da un occhio, un’altra con le croste in testa per via dell’AIDS, coperte da un cappellino azzurro che nasconde le garze…
Il sole come una stella, come una speranza, mentre un bambino cerca di acchiapparlo… presto che scappa….
In Chiesa mentre la gente canta vedo sbucare fra le teste una statua della Vergine che mi guarda, si guarda me.
La vita, la vita, la vita…… gia i soliti discorsi…
mi sono azzerato… riparto da qui…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...